Cani da guardia

Sicurezza Abitativa Anticrimine di Torino, è nata la F.I.C.G. – Federazione Italiana Cani da Guardia. Ormai tutti sanno e molti lo hanno già provato a “proprie spese” che possedere un cane appartenente ad una razza classificata come tale non significa sempre godere di un soggetto che sappia fare il suo "mestiere", anzi! Quanti cani ho visto nella mia vita che a 4/5 anni non sapevano minimamente cosa significasse fare la guardia!

Portale sui cani da guardia

La FICG sarà aperta a tutte le razze notoriamente classificate da guardia ma non escluderà le altre anche se da caccia, da difesa, da presa, da soccorso o addirittura meticci se capaci di svolgere il NOBILE ruolo. Questo perché nonostante io allevi da anni una razza che dovrebbe essere specifica per la guardia ho visto troppe volte Pastori dell’Asia Centrale (sia in Italia che nei loro paesi d’origine) magari forti ed aggressivi ma completamente privi di ogni senso di diffidenza dall’essere umano sconosciuto. Per contro mi è già capitato di incontrare cani tipo Labrador, Terranova, vari cani da caccia, etc.. che se la sapevano cavare egregiamente in tal senso. Chi ha già letto il mio primo libro "GUARDIANI SI NASCE", ricorderà i racconti di un mio cane da caccia di nome REM, di razza Drahthaar e di un altro ARGO di razza Espaniel Breton che non avrebbero sicuramente sfigurato nei confronti di quelli allevati e venduti oggi per idonei alla mansione.

Cani da difesa

La Federazione avrà anche l’obiettivo di informare, assistere e promuovere tutti gli allevatori, professionisti ed amatoriali, che vorranno operare onestamente mantenendo le promesse fatte ai loro acquirenti sui cuccioli destinati alla guardia. Formare ed associare tutti i proprietari ed appassionati di cani che vorranno approfondire la loro cultura cinofila sul cane da guardia.

Cane per difesa personale

Il CIG - Certificato di Idoneità alla Guardia FICG sarà l’unico documento ufficiale della Federazione che attesterà le attitudini del cane nel saper svolgere il lavoro di guardiano ed il Certificato Genealogico Caratteriale CGC (da leggersi cigici) certificherà ufficialmente la capacità di svolgere il ruolo di guardiani di tutti i genitori e progenitori del cane iscritto. Con l'emanazione del CGC non è utopistico pensare che in meno di dieci anni chiunque potrà acquistare in Italia un cucciolo sapendo precisamente se i suoi antenati erano buoni guardiani oppure no.

Cani da presa

A fronte di queste considerazioni è però doveroso specificare cosa intenderà la federazione per “CANE DA GUARDIA”.

<span style="font-size: 14px"><span style="font-family: verdana, sans-serif">Sicurezza Anti Intrusione&nbsp;e Cani da Guardia: &hellip;la &quot;FORMAZIONE&quot; costa molto meno dell&#39;ignoranza!!</span></span><br />
Sicurezza Anti Intrusione e Cani da Guardia: …la "FORMAZIONE" costa molto meno dell'ignoranza!!
1 - Se hai speso dei bei soldi per il l tuo antifurto super tecnologico, ma i ladri ti sono entrati in casa ugualmente… hai commesso un grave ERRORE, poiché hai sprecato il tuo denaro!   2 - Se hai installato l’antifur... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO »
RAZZE CANINE
Black and Tan Toy T.
Il Black and Tan Toy Terrier chiamato in Italia anche “Piccolo terrier inglese nero-focato”.
 
Questa razza discende dal “Manchester Terrier”. Nell’Ottocento fu un cane molto popolare nelle case signorili. La sua dimensione ridotta proviene da una selezione voluta dall’uomo, perché in quel periodo si riteneva che più, le dimensioni di un cane, erano ridotte, più era pregiato e gradevole. Perciò, con il passare degli anni si arrivò a portare questa razza ad avere un peso intorno ad un chilogrammo. Anche la sua robustezza, quindi, si andò a sostituire con una delicatezza troppo accentuata. È una delle poche razze in cui ha valore veramente il termine “nanismo”. Le sue dimensioni ridotte però, dettero anche dei pregi per aiutare l’uomo nella caccia ad i piccoli e fastidiosi roditori. In Inghilterra, fino all’inizi del Novecento, esistevano anche delle vere e proprie competizioni, basate sulla caccia al topo. Alcuni in passato lo definirono un “cane giocattolo”, e da allora è con questo nome che viene ricordata la razza “Toy Terrier”. Strano a dirsi, ma la sua diffusione andò a poco a poco a diminuire. Ora in Inghilterra gli esemplari di questa razza sono molto rari e in tutta Europa i soggetti di questa razza sono limitati.
 
È un cane di piccola taglia, classificato come tipo Lupoide. Piccolo, molto simile nell’aspetto al suo più vicino terrier, “il Manchester”. Nonostante la piccola mole, il cane è abbastanza ben costruito, ha delle buone proporzioni nell’insieme.
Il torace è profondo, ma non largo, il dorso corto e le coste sono piuttosto piatte e non arrotondate. La testa è piuttosto lunga, stretta e nettamente scolpita, la pelle è tesa e molto fine sul cranio e sulle guance. Il tartufo è di colore nero e di giuste dimensioni. Le orecchie sono di giusta lunghezza e proporzione con la testa. La coda è lunga, dritta e sottile, si assottiglia gradualmente verso la punta. Il pelo è raso, fitto, compatto e liscio in tutte le parti del corpo. La razza è di colore nero lacca, con muso ed alcune altre parti del corpo focate.
info@canidaguardia.com - C.F. RMNZMR61L21I470R